perle-di-saggezza-taoista-chuang-tzu-e-lieh-t-L-Okn95i

Saggezza

   A volte possiamo esserci chiesti se è possibile raggiungere la Perfezione, una saggia risposta potrebbe essere: prima di iniziare tale percorso è bene riuscire a riconoscere alcune distinzioni: il vero dal falso, l’effimero dal profondo, oppure da ciò che si apprende con la mente rispetto a ciò che lo si fa con il cuore, come pure da cosa apprendiamo attraverso il 3° occhio rispetto al cuore.

Esistono antiche tradizionali saggiezze orientali che si possono definire senza tempo, attraverso le quali riuscire a vivere la personale esistenza nel diventare esseri umani completi, anche se attraverso le tradizioni spirituali viene riconosciuto che l’uomo è una creatura dal cuore inquieto perché non si accontenta di essere ciò che è, purtroppo tendiamo ad essere costantemente insoddisfatti: essere altrove rispetto a dove siamo, oppure voler diventare ciò che non siamo, questo dimostra che nel cuore umano dimora quell’insoddisfazione che è all’origine di ogni azione nell’essere alla continua ricerca di libertà, trasformazione e rigenerazione.

Buddha attraverso le sue opere affrontò il problema dell’insoddisfazione umana: dolore, frustrazione, desiderio impossibile di ciò che non possediamo o non siamo, di completare quella pace nella quale è racchiusa la fine dell’inquietudine che porta alla pace.

Invece lo scrittore Francis Thompson espresse il cuore inquieto dell’uomo attraverso le parole di questa poesia:

Sono fuggito da Lui

nel corso di giorni e notti

sono fuggito da Lui

sotto gli archi degli anni

sono fuggito da Lui

fra i labirinti e i meandri

della mia mente.

E nella nebbia delle mie lacrime

mi sono nascosto da Lui

sotto scrosci di incessanti risate.

Il titolo di questa poesia è:

IL SEGUGIO DEL CIELO.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *